domenica 16 dicembre 2007

Della validità dei programmi d'esame

Quale programma portare all'esame? L'inderogabile regola è semplice: gli studenti possono portare il programma dell'anno in cui hanno seguito (o avrebbero dovuto seguire) il corso secondo il loro piano di studi oppure il programma dell'ultimo corso tenuto. Questa regola ha due conseguenze: la prima è il fatto che lo studente frequentante (ossia lo studente che effettivamente seguito il corso) ha diritto di portare il programma dei frequentanti dell'anno in cui ha seguito il corso anche dopo 10 anni (da qui lo slogan: frequentate un anno, frequentante per sempre - "continueremo a discutere nell'eternità" dice Michele Serveto sul rogo dell'inquisizione calvinista); la seconda è che nell'anno accademico 2oox/200(x+1), finché non sia stato tenuto il corso, lo studente non frequentante deve portare o il programma dell'anno in cui il corso è segnato nel suo piano di studi oppure il programma del corso tenuto nell'anno accademico 200(x-1)/200x.

Domanda: quale programma dovranno portare gli studenti non frequentanti ai prossimi appelli di gennaio e febbraio? - il primo studente della Bicocca che darà la risposta corretta nei commenti, potrà venire nel mio studio a ritirare il libro (non so ancora quale) in palio.

7 commenti:

LdS_giurisprudenza ha detto...

Deve portare il programma dell'anno accademico 2006-2007, ovvero quello in cui, secondo il suo piano di studi, avrebbe dovuto/potuto frequentare. Quando si ritira il premio?

Andrea Rossetti ha detto...

Giovedì verso le 11. Ora devo pensare al libro da regalarle.

Silvie's Secrets ha detto...

ma il programma ...200X/200(X+1)...de che?
magari una indicazione più semplice?
Saluti dal mundo!
Che dura la vita da studente...

Ilarietta ha detto...

Buongiorno a tutti ;O))

Per quanto riguarda il programma degli studenti non frequentanti, la scelta non dovrebbe essere tra il programma dei non frequentanti dell'anno in cui lo studente avrebbe dovuto seguire il corso ed il programma dei non frequentanti previsto per l'anno in cui concretamente lo studente sostiene l'esame ?

Grazie,
Ilaria

Andrea Rossetti ha detto...

No, non rifaccio ogni anno esattamente lo corso, sarebbe davvero una noia! Ad esempio, quest'anno darò largo spazio all'opera di Hobbes, mentre l'anno scorso ad Hobbes ho dedicato solo alcune lezioni. L'unico modo per portare il programma per frequentanti dell'anno in corso è ri-frequentare.

Persio ha detto...

Mi permetto di suggerire, quale libro-premio, il mirabolante "Le più belle cartolyne del mondo (forse)", opera dell'immortale (per adesso) M.o Federico Maria Sardelli.

Giò ha detto...

Meno male che ha riuppato questo post...

Io attendo ancora il mio premio... ;-)