mercoledì 11 marzo 2009

La prova (sbagliata) dell'esistenza di dio

Nell'ultima lezione di filosofia, ha colpito molto la prova dell'esistenza di dio proposta da Anselmo d'Aosta, che io ho usato per mostrare la differenza tra logica e ontologia. Chi avesse voglia può leggere la traduzione del testo originale. Seguendo questo link, invece, potete trovare i paradossi che sono generati dall'idea di un essere privo di limiti.

Nessun commento: