martedì 25 giugno 2013

Hate speech, privacy e rete

La presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini ha promosso un seminario sulla prevenzione dell'odio in Rete, che può diventare in alcune sue forme interattive un mezzo amplificatore di violenza e aggressioni verbali, come attestano i fenomeni di cyberbullismo sempre più diffusi e spesso con conseguenze tragiche. Eppure la questione è delicata, sia perché non è facile stabilire, al di là del codice penale, un limite da non superare nel manifestare disapprovazione, ostilità e anche odio rispetto ad altre persone, sia perché è di fatto complicato ed anche forse rischioso pensare di limitare l'uso della libertà di parola nel web.

Nessun commento: